Il Management.it

Home » 2014 » luglio

Monthly Archives: luglio 2014

I NUMERI NON MENTONO. Scarica il Rapporto Svimez sul Mezzogiorno

svimez

Lo Svimez ha presentato il Rapporto 2013 sull’Economia del Mezzogiorno.

 

Un Paese diviso e diseguale, dove il Sud scivola sempre più nell’arretramento.

 

Nel 2013 il divario di Pil pro capite è tornato ai livelli di dieci anni fa.

 

Negli anni di crisi 2008-2013 i consumi di delle famiglie sono crollati quasi del 13%, gli investimenti nell’industria addirittura del 53%, i tassi di iscrizione all’Università tornano ai primi anni Duemila e per la prima volta il numero di occupati ha sfondato al ribasso la soglia psicologica dei 6 milioni, il livello più basso dal 1977.

 

Una terra a rischio desertificazione industriale e umana, dove si continua a emigrare, non fare figli e impoverirsi: in cinque anni le famiglie assolutamente povere sono aumentate di due volte e mezzo, da 443mila a 1 milione e 14mila nuclei.

 

E le previsioni 2014-2015 contenute nel Rapporto di previsione territoriale SVIMEZ 01/2014 confermano il trend negativo. 


Questa la fotografia che emerge dalle anticipazioni del Rapporto SVIMEZ sull’economia del Mezzogiorno 2014 presentate il 30 luglio 2014 alla Camera dei Deputati a Roma. 

 

Ecco il documento:

http://www.svimez.info/images/RAPPORTO/materiali2014/2014_07_30_anticipazioni.pdf

 

 

I TANTI LAVORI CHE GLI ITALIANI NON SONO + DISPOSTI A FARE. Scarica il rapporto del Ministero del Lavoro

immigrati

 

 

E’ stata presentata ieri la quarta edizione del Rapporto “Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia” a cura della Direzione Generale dell’Immigrazione e delle Politiche di Integrazione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, realizzato in collaborazione con la Direzione Generale per le Politiche per i Servizi per il Lavoro, l’INPS, l’lNAIL, Unioncamere, e il coordinamento di Italia Lavoro.

 

Ecco i principali indicatori:

Nel 2013 i lavoratori stranieri occupati sono stati 2.355.923 in aumento di circa 22 mila unità rispetto all’anno precedente (+14.378 UE e +7.497 Extra UE) a fronte di una forte riduzione dell’occupazione italiana (-500 mila unità).

 

Il tasso di occupazione della componente rimane più alto rispetto a quello della popolazione italiana (58,1% vs. 55,3%) a differenza di quanto accade in Francia (55,3% vs.64,8%), nel Regno Unito (67,2% vs. 71,1%) in Germania (60,7% vs. 74,8%) e in Spagna (53,2% vs. 55,2%).

 

Dal 2007 al 2013, a fronte di un calo superiore a 1,6 milioni di italiani, l’occupazione degli stranieri è aumentata di 853 mila unità e nello stesso periodo l’incidenza degli stranieri nel mercato del lavoro italiano è cresciuta, raggiungendo nel 2013 il 10,5% del totale degli occupati, con punte del 19,7% nelle Costruzioni e del 13,6% in Agricoltura.

 

Aumenta in modo rilevante nelle aree del lavoro esecutive e manuale e nelle classi di età più giovani dato che il lavoro non qualificato continua a costituire la forma principale di inquadramento della forza lavoro straniera .

 

Da sottolineare il crescente peso dalla componente straniera nei Servizi di cura, settore in cui l’80% del totale della forza lavoro occupata è immigrata.

 

Ecco il rapporto:  (173 pagine):

http://www.lavoro.gov.it/Notizie/Documents/IV%20Rapporto%20annuale%20MdL%20immigrati%202014.pdf

IN ITALIA IL BIOLOGICO VA ALLA GRANDE. Scarica il rapporto pubblicato da ISMEA

bio

 

 

Sulla base delle elaborazioni Ismea dei dati del Panel famiglie Gfk-Eurisko, nei primi cinque mesi del 2014 gli acquisti domestici di biologico confezionato nella gdo sono aumentati del 17,3% in valore, mentre nello stesso periodo la spesa agroalimentare è risultata in flessione (-1,4%).

 

Parliamo di un settore che vale 3 miliardi di euro nel nostro Paese e che riguarda oltre il 10% della superficie agricola nazionale.

 

Ecco il rapporto:

http://www.ismeaservizi.it/flex/cm/pages/ServeAttachment.php/L/IT/D/1%252F4%252F1%252FD.5fc952753bcc77e43195/P/BLOB%3AID%3D4279

 

LA PRESENZA COMMERCIALE DELL’ITALIA NEL MONDO. Scarica i 2 volumi pubblicati dall’ICE per un totale di 649 pagine

ice

 

Ecco i documenti scaricabili:

 

 

Rapporto 2013-2014 “L’Italia nell’ecomonia internazionale” 

Articolato in sette capitoli che forniscono un quadro sulla struttura geografica e settoriale e sulla dinamica del commercio estero e dell’internazionalizzazione dell’Italia in rapporto a quella di altri paesi, il volume è arricchito da grafici e tavole e contiene brevi riquadri e approfondimenti monografici sui temi di maggiore attualità.

 

Un apposito capitolo esamina le modalità di internazionalizzazione delle imprese italiane.

 

 

Annuario “Commercio estero e attività internazionali delle imprese -Edizione 2014” 

L’annuario, completamente rinnovato nei contenuti e nella forma editoriale, dà accesso a 860 tavole statistiche che descrivono i principali aspetti dei complessi processi di internazionalizzazione del sistema produttivo italiano in un contesto globale, navigabili in formato digitale.

 

Il volume contiene oltre a una selezione delle principali tavole, una Guida alla lettura utile per orientarsi nel patrimonio informativo offerto dall’annuario.

 

Ecco i link per scaricare i documenti:

http://rapportoice2014.ice.it/

 

 

 

L’ART BONUS E’ DIVENTATO LEGGE. Scopri tutte le novità

art bonus

 

 

Tantissime novità per chi si occupa di Beni Culturali, Turismo Sponsorship e Digitalizzazione.

 

Ecco i dettagli:

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/Ministero/LegislaturaCorrente/Dario-Franceschini/Comunicati/visualizza_asset.html_231740378.html

Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica 2014. Scarica il documento

Il nuovo Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica 2014, pubblicato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, contiene l’analisi della situazione sul costo dell’energia per consumatori e aziende (fra i più alti d’Europa), il livello di autonomia energetica (con un’alta quota di importazioni che coprono l’82% del fabbisogno), sui buoni risultati in materia di efficienza energetica e sui passi avanti, anche normativi, compiuti in questa direzione. Particolare attenzione viene posta al Dlgs 102/2014 di recepimento della Direttiva UE e agli obiettivi al 2020:

  • Allineamento con i prezzi europei di elettricità e gas (-9 miliardi di euro l’anno).
  • Riduzione delle emissioni di gas serra (21%) e dei consumi primari (24%).
  • Investimenti nella Green Economy per 170-180 miliardi di euro.
  • Approvvigionamento estero ridotto (-14 miliardi di euro l’anno).
  • Quota 19-20% di Rinnovabili sui consumi finali lordi.

 

Secondo il PAEE l’efficienza energetica si persegue attraverso molteplici canali, fra cui i certificati bianchi, le agevolazioni fiscali (la detrazione del 65% per la riqualificazione energetica degli edifici), il conto termico e altre misure come ad esempio gli eco-incentivi auto. Per quanto riguarda le imprese, l’Italia utilizza anche il sistema delle diagnosi energetiche, obbligatori dal 5 dicembre 2015 per le grandi aziende e per quelle ad alto consumo di energia, indipendentemente dalle dimensioni.

 

Entro fine 2014, il MiSE pubblicherà un bando per la selezione e il cofinanziamento di progetti presentati dalle Regioni che dovranno avere l’obiettivo di promuovere gli audit (le diagnosi energetiche) anche fra le PMI. Il programma è finanziato con 15 milioni di euro l’anno per il 2014-2020. Nell’ipotesi di finanziare il 50% delle spese sostenute dalle PMI per la realizzazione della diagnosi energetica, si stima di coinvolgere nell’iniziative circa 15mila imprese ogni anno. 

 

Scarica il PAEE dal seguente link:

http://bit.ly/1AtyAVy

 

UN DOCUMENTO IMPORTANTE PER CHI SI OCCUPA DI LAVORO, FORMAZIONE E ORIENTAMENTO.

job

 

Esistono soluzioni concrete per i 5 milioni di giovani disoccupati dell’UE.

 

Questo è il risultato di uno studio compiuto dal Comitato economico e sociale europeo (CESE) e presentato alla sua 500a sessione plenaria (studio dal titolo “Attuazione delle politiche dell’UE per l’occupazione giovanile: la prospettiva della società civile”).

Ecco il link per scaricare il report:

http://www.eesc.europa.eu/resources/docs/lmo-study_youth-employment_general-report_it.pdf

 

 

 

 

HAI UN PROGETTO DI INNOVAZIONE PER LA TUA PICCOLA E MEDIA IMPRESA? Fattelo finanziare dall’U.E. con 50.000 euro

easme

 

 

“…La Commissione europea ha annunciato i primi risultati del nuovo strumento per le PMI di 3 miliardi di EUR, avviato nel quadro di Orizzonte 2020 per aiutare le piccole imprese innovative a portare sul mercato le idee sviluppate in laboratorio.
In totale 155 PMI appartenenti a 21 paesi (Stati membri dell’UE o paesi associati a Orizzonte 2020) riceveranno ciascuna 50 000 EUR per finanziare studi di fattibilità volti a sviluppare la loro strategia innovativa.
Inoltre, le PMI possono fruire di una formazione imprenditoriale specifica che può durare fino a tre giorni.
Nella prima tornata le PMI spagnole hanno ottenuto i migliori risultati, con 39 proposte selezionate, seguite da vicino dalle PMI del Regno Unito e dell’Italia.
Le domande per le prime sovvenzioni sono state 2.666 in totale.

 

Le imprese selezionate saranno ufficialmente informate in agosto dall’Agenzia esecutiva per le PMI (EASME) che gestisce il programma.

 

Le domande possono essere presentate in qualunque momento ma sono valutate quattro volte l’anno.
I risultati di oggi riguardano le domande pervenute entro la prima scadenza (18 giugno 2014) per le sovvenzioni della fase 1.
Le prossime scadenze per la valutazione sono il 24 settembre 2014 per la fase 1 e il 9 ottobre per la fase 2.

Nel 2014 dovrebbero ricevere finanziamenti circa 645 progetti (fase 1 e fase 2) che nel 2015 aumenteranno a 670.
Ecco il sito web dedicato:

http://ec.europa.eu/easme/sme_en.htm

IN ITALIA VANNO MALE TUTTI I CONTRATTI DI LAVORO….tranne i voucher dell’Inps per il Lavoro Accessorio. Leggi i dati aggiornati

voucher

 

 

Ecco i dati aggiornati dell’Inps:

http://www.sistema.puglia.it/portal/pls/portal/sispuglia.ges_blob.p_retrieve?p_tname=sispuglia.documenti&p_cname=testo&p_cname_mime=mime_type_testo&p_rowid=AAAh67AARAAP2MaAAD&p_esito=0

 

 

TANTISSIME NUOVE AGEVOLAZIONI PER GLI IMPRENDITORI AGRICOLI. Leggi la circolare esplicativa

campolibero

 
Queste le principali misure di “Campolibero”:

GIOVANI
– Detrazione per affitto dei terreni al 19% per giovani coltivatori diretti e imprenditori agricoli fino a 35 anni;
– Incentivi all’assunzione di giovani con contratto a tempo indeterminato o determinato di minimo 3 anni, con sgravio di 1/3 della retribuzione lorda;

LAVORO
– Deduzioni Irap per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo determinato di almeno 3 anni e per almeno 150 giornate all’anno:
– Rete del lavoro agricolo di qualità contro il sommerso e per promuovere la regolarità delle imprese agricole, certificandone l’attività;

SEMPLIFICAZIONI
– Registro unico dei controlli;
– Estensione della diffida prima delle sanzioni amministrative pecuniarie;
– Semplificazioni nel settore vitivinicolo;

INNOVAZIONI D’IMPRESA
– Credito d’imposta per innovazione e sviluppo di prodotti e tecnologie al 40% degli investimenti fino a 400mila euro;
– Credito d’imposta per nuove reti d’impresa di produzione alimentare al 40% degli investimenti e fino a 400mila euro;
– Credito d’imposta per l’e-commerce di prodotti agroalimentari al 40% degli investimenti e fino a 50mila euro;

SICUREZZA
– Rafforzamento azioni nella Terra dei fuochi con possibilità di ampliare i controlli;

OGM
– Introduzione di sanzioni per chi coltiva Ogm in Italia e rafforzamento degli strumenti per assicurare l’effettività del divieto sul territorio nazionale.

– Mutui a tasso zero per nuove imprese agricole under 40 per produzione, trasformazione e commercio di prodotti agricoli (fino al 75% della spesa ammissibile con durata massima di 10 anni , 15 anni per produzione)
– Dematerializzazione dei registri aziendali
– Semplificazioni per contratti di rete e in molti settori tra i quali olio, formaggio e latte, biologico e per agricoltura e zootecnia di montagna
– Istituzione del Sistema di consulenza aziendale in agricoltura
– Semplificazione nella gestione e immatricolazione delle macchine agricole attraverso le organizzazioni professionali agricole
– Apertura società agricola in 60 giorni
– Sostegno a investimenti in ricerca e innovazione di aziende in contratti di rete
– Interdizione attività per il reato di contraffazione agroalimentare di prodotti Dop e Igp
– Estensione dei crediti d’imposta per innovazione, reti di impresa e e-commerce al settore pesca e acquacoltura

Ecco i dettagli del Ministero:

http://www.politicheagricole.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/7797

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: