Il Management.it

Home » Sport

Category Archives: Sport

LA MAPPA DEL TIFO IN ITALIA. Scarica il rapporto pubblicato da Demos

Copertina tifo

Demos ha realizzato una interessante indagine sulla mappa del tifo in Italia.

.

Oggi 4 italiani su 10 si definiscono “tifosi”.

.

Molti meno rispetto a cinque anni fa, quando i “tifosi” erano oltre il 50 per cento.

Quanti sono i tifosi in Italia

La graduatoria delle squadre più amate  risulta sostanzialmente immutata rispetto agli ultimi anni.

.

.

Davanti a tutte, come sempre, la Juventus con il 35 per cento dei tifosi.

Le squadre più amate

Dopo la “vecchia signora”, come in passato, le milanesi:

– l’Inter con il 17 per cento,

– il Milan con il 14.

.

.

La Juve e le milanesi, insieme, costituiscono i due terzi del tifo, in Italia.

.
.
La graduatoria delle squadre “contro” cui tifano gli italiani riflette quella del tifo “a favore”.

Così la Juve non è solo la squadra più “amata”, ma anche la più “odiata”.

Le squadre più odiate

Quali sono le opinioni politiche dei tifosi in Italia?

Politica tifo

.

.

Non sorprende che il tifo della Juve si addensi, politicamente, al centro.

orientamento politico dei tifosi destra sinistra

I tifosi romanisti sono i più a sinistra.

.

.

Probabilmente per reazione alle simpatie dei laziali, tradizionalmente di destra.

.

In modo analogo, i tifosi di Inter e Milan si posizionano simmetricamente.

.

.

.

A centro-sinistra: i nerazzurri.

.

A centro-destra: i rossoneri.

.

Per scaricare il report di Demos, clicca QUI

I BILANCI DELLE LEGHE CALCIO IN EUROPA. Leggi i dati pubblicati da Deloitte

DELOITTE

La società di consulenza Deloitte ha pubblicato l’Annual Rewiev of Footbal Finance.

Per il calcio italiano emerge  un dato preoccupante:  nonostante il trend in crescita, rimane schiavo dei diritti tv.

Se si prendono le 5 principali leghe europee (oltre alla Serie A  quarta per giro d’affari con 1,7 miliardi nella stagione 2013/14, ci sono Premier League, Bundesliga, La Liga e, quinta, la Ligue 1 francese) la nostra prima serie è quella in cui i proventi dai diritti tv pesano maggiormente (59% del totale).

BILANCI

E questo nonostante non siano certo i più elevati in assoluto.

Qualche crudo numero permette di avere un quadro più completo: in media  i diritti pesano il 48%, meno della metà del giro d’affari del pallone pari a 11,303 miliardi per le cinque serie di prima fascia.

Per scaricare il report di Deloitte, clicca QUI

LE SQUADRE DI CALCIO PIU’ RICCHE AL MONDO. Scopri la posizione in classifica delle italiane

copertina brand

The Brand Finance Football 50, è lo studio annuale sui bilanci dei club di calcio più quotati al mondo.

La novità di quest’anno è il Manchester United che si è guadagnato la testa della classifica con un valore del brand di 914 milioni di euro (non si conteggia solo fatturato ma l’intero giro d’affari e la notorietà del brand)…nonostante la mediocre performance in campionato.

Tra i 50 brand internazionali con maggior valore, la top 10 delle squadre con il brand più forte è composta da 5 Inglesi , 2 spagnole, 2 Italiane e 1 tedesca.

Schermata 2015-06-09 alle 11.32.06

Real Madrid e Barcellona dominano questa classifica entrambi con il massimo del rating: AAA+ .

In questa classifica, complessivamente le squadre italiane se la cavano bene.

Ben 6 squadre su 7 sono nella parte più alta, che indica una forza del brand sopra la media delle top 50.

Il brand della Juventus, con un valore di 265 milioni di euro (+46%), si conferma al vertice tra i club calcistici italiani.

Sono sette le squadre italiane presenti nell’elenco dei club con i migliori brand a livello economico.

Per la Juventus i risultati del campo si sono tramutati in accordi commerciali tali da far salire il club bianconero all’undicesimo posto per valore economico del brand, scavalcando Borussia Dortmund e Schalke 04.

Il valore è aumentato del 42% fino a raggiungere gli attuali 312,4 milioni di euro e, grazie anche alle politiche sul brand e ai risultati sportivi, la Juventus può vantare ad oggi uno dei cinque marchi più forti nel mondo del calcio.

Per scaricare il report completo, clicca QUI

LE MIGLIORI SQUADRE DI CALCIO SU FACEBOOK. Scarica gratis il report pubblicato da Blogmeter

report

Blogmeter ha analizzato i profili Facebook globali ufficiali di 16 dei principali team italiani ed internazionali partecipanti alle massime competizioni europee.
Barcellona, Manchester United, Real Madrid e Chelsea i casi di eccellenza su Facebook, mentre JuventusMilanInterNapoli e Roma rimangono distanti dai migliori club europei per capacità di creare una community numerosa, specie sui mercati esteri, e coinvolgerla.
Dall’analisi, effettuata sul bimestre dicembre 2014 – gennaio 2015, emerge che il sistema calcio italiano ha molto da imparare dalle squadre impegnate nei campionati di Spagna, Inghilterra e Germania, per quel che riguarda la capacità di valorizzare le attività sui social media.
Il Barcellona, in particolare, rappresenta un caso di eccellenza: è il team più seguito su Facebook e quello più coinvolgente, che riesce a generare il più alto tasso di engagement (la capacità di generare interazioni – like, commenti, condivisioni – in relazione ai contenuti prodotti).
 report2
Manchester United, Real Madrid e Chelsea rappresentano ulteriori best case.
I club italiani inseguono a distanza.
Tra i team più amati sul principale social network al mondo ai primi tre posti della classifica si trovano, nell’ordine: Barcellona (81,9 milioni di fan), Real Madrid (81,4mio) e Manchester United (64,6mio).
Il Milan, leader in Italia, risulta in ottava posizione con “solamente” il 30% dei fan delle regine di Spagna (24,3 mio).
Ancora più staccata la Juventus (11° con poco meno di 16,3 milioni di fan al 31 gennaio) e a seguire, a distanza, tutte le altre squadre italiane (nell’ordine InterRoma Napoli), che chiudono la classifica (rispettivamente 14°, 15° e 16°) e non raggiungono quota 6 milioni di fan.
Il gap con i top club europei è particolarmente evidente nella capacità di attrarre seguaci al di fuori dei confini nazionali: dagli Stati Uniti ai Paesi asiatici passando per i Paesi emergenti.
Peraltro la distanza tra l’Italia e l’estero nella capacità di consolidare la propria community su Facebook aumenta giorno dopo giorno, con il Real Madrid che guadagna 50 mila fan al giorno nel periodo analizzato contro i 19 mila della Juventus, gli 11 mila del Milan ed i 10,9 mila dell’Inter.
Ancora più indietro Roma e Napoli.
L’Inter è scatenata su facebook.
 
Con 1 post prodotto su Facebook in media ogni ora del giorno, per un totale di 25,1 post pubblicati in media quotidianamente. Anche la Juventus sale sul podio di questa classifica (al 3° posto), con una media di 22,3 post prodotti al giorno.
 
 

Per scaricare il report, clicca QUI

LE SQUADRE DI CALCIO PIU’ RICCHE AL MONDO. Leggi il rapporto completo

football1
E’ sempre il Real Madrid a dominare la 18esima edizione della Deloitte Football Money League, la classifica annuale dei club calcistici con i maggiori ricavi.
E’ il decimo anno consecutivo in cui si impongono in questa graduatoria.
I dati si riferiscono alla stagione 2013/14 e non tengono in considerazione le plusvalenze da cessioni.
I Blancos si confermano in vetta alla graduatoria con un guadagno complessivo di 549.5 milioni, derivante in buona parte dagli accordi commerciali (231.5) e dai diritti televisivi (231,5).
Balza a sorpresa al secondo posto il Manchester United, che compie un passo avanti di ben 2 posizioni, con ricavi complessivi che ammontano a 518 milioni.
Completano il podio i tedeschi del Bayern Monaco, che si confermano al 3° posto con 487,5.
football2
Nella top five anche il Barcellona, che ha perso tuttavia due posizioni, e il PSG.
A fare la parte dei leoni nella graduatoria della Deloitte è sicuramente la Premier League, che annovera ben 5 club nella top 10: Manchester United (2°), Manchester City (6°), Chelsea(7°), Arsenal (8°) e Liverpool (9°) e addirittura 7 nella top 20 (si aggiungono Newcastle ed Everton).

Da sottolineare anche la crescita dell’Atletico Madrid,ora 15°, piazzamento che conferma anche sotto il profilo economico il buon lavoro svolto con i colchoneros dal tecnico Diego Pablo Simeone.

E l’Italia?

L’unico club di Serie A fra i primi 10 al mondo per ricavi è la Juventus, che si piazza al 10° posto con 279.4 milioni.
I bianconeri, che devono il loro piazzamento soprattutto ai diritti televisivi (153.4 milioni), scivolano comunque di un gradino.

Dietro ai bianconeri troviamo il Milan, 12° e dietro di 2 posizioni rispetto alla stagione precedente.

La sorpresa positiva è invece rappresentata dal Napoli di De Laurentiis, new entry della graduatoria, che si piazza al 16° posto.
Per scaricare il report completo di Deloitte, clicca QUI

TUTTI I NUMERI DEL SISTEMA SPORTIVO IN ITALIA. Scarica il rapporto pubblicato ieri dal CONI

coni

 

 

Il Centro Studi del CONI ha presentato ieri il documento “Lo sport in Italia. Numeri e contesto”.

 

L’approfondimento, in collaborazione con l’Istat, oltre al monitoraggio sui dati del 2013 relativi al sistema sportivo, ha analizzato anche i risultati della rilevazione censuaria sulle istituzioni no profit e sull’indagine multiscopo effettuata sulle famiglie.

 

Le istituzioni non profit sportive sono 92.838, pari al 30,8% delle istituzioni non profit censite.

 

Oltre sei istituzioni sportive su 10 sono nate nell’ultimo decennio (+ 61,5% rispetto al 2000), 6.800 quelle che hanno erogato i propri servizi a persone con i disagi.

 

Nel settore è attivo un milione di volontari (il 92,2% delle risorse umane impiegate), 13mila lavoratori dipendenti e 75mila lavoratori esterni, per lo più giovani: il 23,7% è under 30.

 

Sono 61mila gli atleti, allenatori, accompagnatori, istruttori.

 

Nel corso del 2011 le istituzioni sportive hanno registrato un flusso di entrate economiche di oltre 4,8 miliardi di euro di entrate (il 7,6% del totale relativo al non profit) e di uscite di oltre 4,7 miliardi di euro (8,2%).

 

Il settore è cresciuto del 5% nel totale no profit rispetto al 1999, mentre è cresciuta di oltre il 60% la quota di istituzioni sportive costituesi nell’ultimo decennio.

 

Nel settore è attivo un milione di volontari, 13 mila lavoratori dipendenti e 75 mila lavoratori esterni.

 

Dallo studio emerge che sono oltre 4 milioni e mezzo gli atleti italiani tesserati (il 31% in più rispetto al 2003) dagli organismi riconosciuti dal CONI, un milione invece gli operatori sportivi (dirigenti sportivi e federali, tecnici e ufficiali di gara) e 64.829 le società sportive.

 

 

Numeri che continuano a crescere: è pari al 3,6% la crescita decennale del numero di società sportive, 1,6% quella relativa al numero degli operatori sportivi.

 

A livello di pratica sportiva ammonta al 42% la percentuale dei sedentari, ma sono aumentati, fino a toccare il 30%, i praticanti assidui.

 

 

Ecco il link per scaricare il report del Coni:
http://www.coni.it/images/1-Primo-Piano/Numeri_dello_sport_2013.pdf

 

 

 

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: