Il Management.it

Home » Articles posted by Rino Scoppio

Author Archives: Rino Scoppio

I NUMERI DELLA LIBERA PROFESSIONE IN ITALIA. Scarica il report pubblicato da Confprofessioni

01 - copertina

Foto Rino Scoppio Rino Scoppio 

.

E’ stato presentato in questi giorni a Milano il V Rapporto sulle Libere Professioni in Italia.

..

Ecco i principali indicatori.

.

Da sempre il nostro paese ha in Europa la più alta incidenza fra professionisti e totale degli occupati.

.

02 - italia leader numero professionisti

.

In questa tabella possiamo osservare la ripartizione degli occupati fra lavoratori dipendenti e indipendenti.
.

Con oltre 1,4 milioni di iscritti agli ordini professionali, l’Italia si conferma il Paese con il maggior numero di professionisti in Europa.

.

05 - quanti sono i professionisti sul totale occupati

.

Le professioni ordinistiche hanno dichiarato nel 2019 (ultimo dato disponibile) un reddito medio di 35.571 euro.
.
Molto di meno gli iscritti alla Gestione separata Inps.

.

08 - reddito prossionisti e gestione serparata

.

Le professioni sanitarie mostrano i tassi di crescita più interessanti.

.

08 - crescono veterinari e sanità

.

Per scaricare il rapporto integrale, clicca QUI 

.

 

 

 

 

 

 

VUOI APRIRE UN NEGOZIO IN FRANCHISING ? Scarica la guida pubblicata da Assofranchising

01 - copertina

rino ok

Rino Scoppio

 E’ stata pubblicata la nuova Guida al Franchising realizzata da Assofranchising.

 

Un documento di riferimento per tutti coloro che desiderano avviare un’attività imprenditoriale.

Il settore del franchising continua a mostrare segni di vitalità.

.

Il volume d’affari nel 2019 (ultimi dati disponibili) è arrivato a poco più di 26 miliardi euro con una crescita del 4,4% .

Le insegne operative sono 980.

I punti vendita totali raggiungono i 56mila

02 - i numeri del franchising

La regione italiana con la maggiore presenza di punti vendita in franchising rimane la Lombardia.

ripartizione per region e

I settori prevalenti sono la ristorazione, i servizi, l’abbigliamento.

 

4 - ripartizione per settore

Per scaricare il report, clicca QUI

 

UN MERCATO STRAORDINARIO PER L’ITALIA. Ecco i numeri dei prodotti certificati DOP-IGP-STG

copertina

rino ok

Rino Scoppio

.

.

L’analisi del XVIII Rapporto Ismea-Qualivita attesta la solidità e la forza di un sistema capace di promuovere lo sviluppo nell’intero territorio italiano.

.

In questa fase di difficoltà legata all’emergenza Covid-19, può puntare sugli aspetti che si confermano pilastri strategici per le Indicazioni Geografiche e per il settore agroalimentare italiano.

.

I dati economici della #DopEconomy, relativi al 2019, delineano infatti un settore di primaria importanza e in crescita:

.

  • 16,9 miliardi di euro di valore alla produzione (+4,2% in un anno)

  • un contributo del 19% al fatturato complessivo dell’agroalimentare italiano

  • un export da 9,5 miliardi di euro (+5,1% in un anno) che corrisponde al 21% delle esportazioni nazionali di settore, grazie al lavoro di oltre 180.000 operatori e l’impegno dei 285 Consorzi di tutela riconosciuti.

.

numeri

.

Per scaricare il report di ISMEA, clicca QUI

CRESCE SENZA SOSTA IL SUCCESSO DEI PRODOTTI BIOLOGICI ALL’INTERNO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA. Scarica il nuovo rapporto pubblicato da Biobank

 

01 - copertina

rino ok

Rino Scoppio 

.

BioBank ha pubblicato l’annuale report sulla presenza dei prodotti biologici nei diversi canali distributivi.
.
Ecco l’indice degli argomenti.

.

02- indice

.

Nonostante la crisi provocata dalla pandemia, le vendite del prodotto biologico nei primi mesi del 2020 sono cresciute dell’11%.
.
Negli ultimi 10 anni la quota di mercato detenuta dalla GDO è cresciuta dal 27% al 47%.
.
I negozi specializzati invece sono diminuiti dal 45% al 21%.

.
.
04 - evoluzione ultimi 10 anni

Il settore del biologico ha una crescita costante su tutti i canali.

 

05 - Vendite Bio tra gdo e specializzati

.

Ecco i numeri del mercato interno e delle vendite all’estero.

.

0 6 - valore del mercato ineterno ed export

 

I SOCIAL NETWORK PIU’ DIFFUSI AL MONDO. Scarica gli ultimi dati pubblicati da WE ARE SOCIAL e Hootsuite

01- Copertina

.

rino okRino Scoppio 

.

We Are Social e Hootsuite hanno pubblicato gli ultimi dati sulla diffusione di internet nel mondo.
.
Vediamo insieme le informazioni più interessanti dal report DIGITAL 2020.

.

Su poco più di 7 miliardi di abitanti nel mondo, internet ha raggiunto una diffusione del 59%, pari a 4,57 miliardi di utenti.

.

Gli attivi sui Social Media sono 3,96 miliardi con una penetrazione del 51% sulla popolazione mondiale.

.

02 - Utenti nel mondo dei social

.

Trascorriamo sempre più tempo su internet; mediamente 6 ore e 42 minuti.

Sul fronte social il tempo medio di permanenza è di 2 ore e 22 minuti.

.

03 - tempo medio di permanenza

.

Ecco la classifica dei siti web più visitati al mondo.

.

Google consolida il suo predominio.

.

04 - i siti web più visitati al mondo

E infine, la classifica dei Social Media più utilizzati nel mondo.

.
Facebook raggiunge i 2,6 miliardi di utenti attivi mensili.

.

Colpisce la crescita impetuosa di Tik Tok, giunta oramai alle spalle di Instagram.

.

05 - I SOCIAL network più diffusi al mpndo

.

Per scaricare il report completo di We Are Social e Hootsuite, clicca QUI

.

I CONSUMI DEGLI ITALIANI NELL’ERA DEL COVID. Scarica il nuovo report pubblicato da Coop Italia

01 - copertina

rino okRino Scoppio 

 

Coop Italia ha pubblicato l’edizione 2020 del Rapporto sui Consumi degli italiani.

.

La pandemia Covid 19 ha modificato in maniera rilevante i nostri comportamenti di acquisto.

.

Il virus ha invaso e alterato le nostre vite generando un contraccolpo economico violentissimo e delineando al tempo stesso una traiettoria incerta e sospesa di futuro.

.

Solo nel 2023 (per i più pessimisti nel 2025) il nostro Paese ritornerà ai livelli precedenti la pandemia, peraltro a loro volta lontani dagli standard antecedenti l’ultima grande recessione. 

.

E se molti contano sul vaccino come spartiacque per la ripresa tanto da attribuirgli una sorta di valenza salvifica, fanno  riflettere quegli 8 milioni di italiani che dichiarano di non volersi vaccinare e comunque di voler attenderne gli esiti

.

Gli italiani  si rivelano essere ancora oggi i più pessimisti d’Europa.

.

Il 38% pensa di dover far fronte nel 2021 a seri problemi economici e tra questi il 60% teme di dover  intaccare i propri risparmi o di essere costretto a chiedere un aiuto economico a Governo, amici/parenti e banche.  

.

peggio ok

.

A farne le spese sono soprattutto le classi più fragili, i giovani, le donne.

.

Cina e Russia diventeranno le nuove superpotenze mondiali.

.

02- crescita cina

.

E’ l’Italia dello smartworking (+770% rispetto a un anno fa),

della spesa on line (+132%), 

della digitalizzazione a tappe forzate non solo nella sfera privata ma finalmente anche nelle attività professionali (lavoro appunto ma anche didattica, servizi, sanità).

.

Ma è anche un paese che si richiude nella comfort zone della propria casa.

.

Il risultato finale è la sensazione di vivere sospesi in una bolla digitale che crea cluster chiusi e autoreferenziali, la bolla della vita affettiva che si autodelimita (pur generando soddisfazione), gli spostamenti che diventano di corto raggio e la comfort zone della casa che rassicura.

.

Tra le mura domestiche piuttosto che altrove:

 ci si nutre (41% prevede di ridurre la spesa prevista nel prossimo anno alla voce ristoranti),

 

ci si diverte (44% la quota di chi nel 2021 ridurrà la spesa per intrattenimenti vari fuori casa),

 

si incontrano amici e familiari (o a casa propria o a casa loro).

.

E se dovessero mancare affetti ci si adopera per riempire il vuoto: 3,5 milioni di italiani durante il lockdown o subito dopo hanno acquistato un animale da compagnia e 4.3 milioni pensano di farlo prossimamente.

.

Da ultimo, l’elemento forse più insidioso è il restare prigionieri di bolle sociali e informative chiuse ed autoreferenziali, terreno fertile per l’informazione di parte e la proliferazione delle fake news.

.

07 rimango in casa

.

Possiamo rinascere comunque grazie ai nostri storici punti di forza.

.

03 - punti di forza per l ripartenza

.

Nel 2021 rischiamo però di perdere 30.000 nascite scendendo così sotto la soglia psicologica dei 400.000 nati in un anno e anticipando di quasi un decennio il ritmo della denatalità. 

.

A rinunciare all’idea pianificata di avere un figlio a causa dell’emergenza sanitaria è il 36% dei nostri giovani (18/34 anni) a fronte ad esempio di un 17% dei francesi e addirittura di un 14% dei tedeschi.

.

Non è la sola rinuncia importante: matrimoni, trasferimenti, acquisti di case e aperture di nuove attività figurano tra i progetti rinviati o cancellati e queste scelte di vita mancate hanno coinvolto in totale l’84% di italiani.  

.

014 - le rinunce degli italiani

.

Le disuguaglianze economiche viaggiano poi di pari passo con i disagi psichici e sociali a svantaggio delle fasce deboli.

.

I ragazzi iperconnessi per i quali è maggiore il rischio hikikomori salgono nei primi sei mesi dell’anno di un +250% fino a toccare quota 1 milione, +119% le chiamate al numero antiviolenza di genere da marzo a giugno.

.

04 - hikimori

.

La casa come salvagente a cui tenersi stretti fa il paio con un’altra costante che distingue ancora nel postcovid gli italiani dai cugini europei: il cibo.  

.

Alla spesa alimentare, pur nell’emergenza e in una evidente contrazione generalizzata degli acquisti, gli italiani non rinunciano.

.

09 - non voglio risparmiare sul cibo

.

Guardando dentro al carrello si nota una straordinaria inversione di tendenza rispetto alla fotografia scattata appena un anno fa dal Rapporto Coop2019.

.

Allora era fuga dai fornelli, un fenomeno che in realtà continuava in progressione costante tanto da dimezzare in 20 anni il tempo passato a cucinare ogni giorno ridotto allora a appena 37 minuti.

.

Complice il lockdown invece gli italiani hanno rimesso le mani in pasta e anche nel postcovid il cook@home è una costante che spiega la forte crescita nelle vendite degli ingredienti base (+28.5% in GDO su base annua) a fronte della contrazione dei piatti pronti (-2,2%).

.

Supportati o meno da aiuti tecnologici (la vendita dei robot da cucina ha fatto registrare a giugno +111% rispetto all’anno prima), il 30% dedicherà ancora più tempo alla preparazione del cibo e il 33% sperimenterà di più.

.

1 su 3 lo farà per “mangiare cose salutari”, ma c’è anche un 16% che lo ritiene un modo per mettersi al riparo da possibili occasioni di contagio.

.

La preparazione domestica dei cibi è probabilmente anche la nuova strategia degli italiani per non rinunciare alla qualità e contemporaneamente alleggerire il proprio budget familiare. 

.

010 - italiani in pasta

.

Guardando i carrelli sempre nell’estate riacquista forza il gourmet (+16.9%), l’etnico (+15,4%) e il vegan (+6,9%).

.

Dopo il boom del lockdown non accenna a diminuire nemmeno la corsa all’efood.

.

A fianco dell’ecommerce puro però gli italiani sembrano voler scegliere soluzioni miste; il click&collect ad esempio passa dal 7.2% delle vendite on line del 2019 al 15,6% nella fase successiva alla pandemia.

.

E c’è anche chi (è il 42%) ritiene comunque importante il consiglio del negoziante/addetto al banco a riprova che la parola chiave sembra essere sempre più la multicanalità.

.

A costituire un deterrente è il caro prezzo dell’online: +25% rispetto al carrello fisico (marzo-giugno 2020) tale da far sì che la spesa digitale sia un’abitudine diffusa tra le famiglie con redditi medio alti.

.

E tra le costanti che il Covid non ha spazzato via riemerge con forza l’attenzione prestata dagli italiani ai temi della sostenibilità.

.

Il 27% degli abitanti del Bel Paese acquista prodotti sostenibili/ecofriendly di più rispetto a prima del Covid.

.

Per scaricare il report di Coop Italia, clicca QUI

 

TUTTI I NUMERI DEL TRASPORTO AEREO IN ITALIA. Scarica il nuovo rapporto pubblicato dall’Enac

.

01 - Copertina Enac

.

 

rino ok

Rino Scoppio

.

L’Enac ha pubblicato i dati sul trasporto aereo in Italia nel 2019.
.
Naturalmente nel 2020 i numeri saranno ben diversi a causa dell’emergenza Coronavirus.
.
La classifica delle compagne aeree vede al 1° posto l’irlandese Ryanair.
.
Alitalia è molto staccata ma soprattutto continua a perdere quote di mercato.

.

02 - Classifica compagnie aeree

.

.

 

Gli aeroporti con il maggior traffico vedono ai primi 2 posti Roma Fiumicino e Milano Malpensa.

.

.

Classifica areporti

.

Sulle destinazioni internazionali, il maggior traffico in entrata e in uscita si ha con Spagna,Regno Unito e Germania.

.

spagna

.

 

Per scaricare il rapporto Enac integrale, clicca QUI

 

 

 

IN ITALIA QUANTI SONO I DIPLOMATI E I LAUREATI? Scarica i nuovi dati pubblicati dall’Istat

copettina

.

rino ok

Rino Scoppio 

.

Secondo l’ultimo rapporto Istat, in Italia la quota di popolazione con titolo di studio universitario continua a essere molto bassa: il 19,6% contro il 33,2% dell’Ue.

.

02. livelli di diplomati e laureati

.

Nel Mezzogiorno rimangono decisamente inferiori sia i livelli di istruzione  sia i tassi di occupazione.

.

mezzogiorno

.

Per scaricare il report dell’Istat, clicca QUI 

.

LE NUOVE ABITUDINI ALIMENTARI DEGLI ITALIANI. Scarica il nuovo report pubblicato da GS1

.

rino ok

Rino Scoppio 

01 copertina

.

.

GS1 è l’organizzazione delle imprese di Largo Consumo in Italia.

.

Gestisce fra le altre cose il rilascio del codice a barre.
.

Ha pubblicato in questi giorno il nuovo rapporto sulle abitudini alimentari degli italiani dal titolo:

.

Osservatorio Immagino di GS1 Italy

.

Ecco alcuni dei risultati più interessanti .

.

Gli alimenti che comunicano l’assenza di alcune componenti nutrizionali sono 13.153, ossia il 18,3% sull’assortimento nei supermercati e ipermercati,con un giro di affari che sfiora i 7 miliardi di euro.

.

L’analisi mette a confronto le performance di aziende food che abbiano focalizzato l’attenzione sulla privazione.

.

Emerge che tra gli slogan che hanno incrementato maggiormente le vendite ci sono:

.

 “senza antibiotici” (+62%),

senza zuccheri aggiunti” (+9,1%)

senza glutammato” (+4,9%),

senza lievito” (+1,9%)

non fritto” (+6,1%)

.

02 - senza conservanti

.

Fra le caratteristiche nutrizionali più richieste troviamo le Fibre, le Vitamine, l’Integrale.

.

04 - fibre

.

Sempre più richiesti i prodotti arricchiti con particolari componenti nutrizionali.

.

05 - Superfruit

.

Ecco i CLAIM più utilizzati dalle aziende nella presentazione dei prodotti.

.

07 - i claim più utilizzati

.

Anche nel settore dalla cura della persona assistiamo a nuove tendenze nelle preferenze dei consumatori.

.

08- I prodotti per la cura della persona
.

Per scaricare il report integrale, clicca QUI

.

SEI PRONTO PER VENDERE I TUOI PRODOTTI SU INSTAGRAM SHOPPING? Ecco i nuovi requisiti estesi a tutti gli utenti

okk

rino ok

Rino Scoppio 

.

 

In Italia da alcuni mesi è già possibile creare delle schede prodotto utilizzando lo strumento di Instagram Shopping.

.

 

.

Qui la pagina ufficiale di Instagram Shopping.

.

 

copertina instagram

.

 

2 giorni fa è arrivato un’importante annuncio pubblicato sul blog ufficiale di Instagram.

 

.

 

Dal 9 luglio chiunque potrà candidarsi per vendere prodotti fisici (per il momento)  via Instagram.

.

 

Le funzionalità di shopping saranno estese a gruppi molto più ampi di utenti

.

 

Viene lanciata la sfida ad Amazon e Google.

.

 

Tutti gli utenti potranno vedere i loro prodotti seguendo poche semplicissime regole:

.

 

  • Per il momento si possono vendere solo prodotti fisici e non servizi professionali

.

 

  • La scheda del prodotto dovrà essere collegata con un sito web proprietario e non con marketplace tipo Amazon o Ebay

.

 

  • Non si possono vendere animali, droga, medicinali, armi etc.

.

 

  • L’account Instagram con il quale si intende vendere il prodotto deve essere convertito in modalità BUSINESS. QUI la procedura

.

 

  • L’account Instagram va accoppiato ad una pagina Facebook sulla quale caricheremo materialmente il nostro catalogo utilizzando il cruscotto di Business manager.

    .

    Qui la procedura

.

 

  • Vanno rispettati tutti i requisiti previsti per il rispetto dei diritti dei consumatori sul fronte resi, pagamenti, garanzie.

    Qui il dettaglio dei requisiti

     

    .

     

E’ una grande opportunità per le piccole imprese che potranno vendere ovunque i loro prodotti utilizzando la vetrina di Instagram (e di Facebook)

.

scheda prodotto

.

Qui l’annuncio ufficiale dal blog di Instagram

.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: