Il Management.it

Home » Articles posted by Rino Scoppio

Author Archives: Rino Scoppio

TANTISSIMI ULTRA-CINQUANTENNI DECIDONO DI LASCIARE IL NOSTRO PAESE. Ecco i dati completi pubblicati dalla Fondazione Migrantes

01- copertina

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio

.

La Fondazione Migrantes ha pubblicato il rapporto “Italiani nel Mondo 2018“.

.

.

Al 1 gennaio 2018 gli iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE) sono 5.114.469, l’8,5% dei quasi 60,5 milioni di residenti totali in Italia.

.

02 - quanto sono gli italiani all'estero.png

.

.

Da gennaio a dicembre 2017 si sono iscritti all’AIRE quasi 243 mila italiani.

.

Dall’Italia partono tanti i giovani (37,4%) e i giovani adulti (25,0%).

.

Le crescite più importanti però sono quelle dai cinquant’anni in su.

.

Secondo il rapporto si tratta di persone disoccupate (definiti “migranti maturi disoccupati“), o lontane dalla pensione che hanno la necessità di mantenere la famiglia.

.

03- sempre più 50enni vanno via dall'Italia.png

.

Gli italiani partiti da gennaio a dicembre 2017 sono andati in 193 località del mondo.

.

La Germania rimane la destinazione prioritaria.

.
.

04  - i paesi preferiti per l'espatrio.png

.

Per scaricare il report della Fondazione Migrantes, clicca QUI

.

.

.

I CONSUMI MEDIATICI DEGLI ITALIANI. Scarica l’ultimo report pubblicato dal Censis

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio 

.

Il Censis ha pubblicato il suo consueto rapporto sui consumi mediatici degli italiani.

.

Ecco i principali indicatori.

.

La televisione ha registrato una leggera flessione dei telespettatori, determinata dal calo delle sue forme di diffusione più tradizionali.

.

02 - Tv digitale

.

Continua a crescere la tv via internet e la mobile tv.

.

Gli italiani che guardano i programmi di Netflix, Infinity, Now Tv, Tim Vision e le altre piattaforme di tv on demand sono aumentati dall’11,1% al 17,9%, con punte del 29,1% tra i giovani under 30;.

.

04 - tv via internet

.

La radio continua a rivelarsi all’avanguardia all’interno del sistema dei media.

.

Complessivamente, i radioascoltatori sono il 79,3% degli italiani.

.

La radio tradizionale perde 2,9 punti percentuali di utenza.

.

.

06 - radio tradizionale

.

La flessione è compensata dall’ascolto delle trasmissioni radiofoniche via internet con il pc  e soprattutto attraverso lo smartphone.

.

07 - radio da mobile.png

.

Gli utenti dei social network aumentano dal 67,3% al 72,5% della popolazione.

.

08 - utenza social .png

.

In conclusione vediamo per gli ultimi 10 anni la crescita e la diminuzione di mass media e media digitali.

.

09 - aumento e diminuzione

.

  • Per scaricare il report dell’Istat, clicca QUI

.

PER IL CIBO GLI ITALIANI FANNO FOLLIE. Scarica il nuovo rapporto pubblicato dall’Università di Bergamo.

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio

.

01 - copertina.png

.

L’Università di Bergamo ha pubblicato il 1° Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano.
.

Gli italiani scelgono la loro vacanza non solo per il sole e il mare.
.
Il  cibo (e tutto quello che vi è collegato) rappresenta una delle principali motivazioni nella scelta di una vacanza.

.

02 - la vacanza enogastronomica.png

 

.

Il 63% degli intervistati lo considera un fattore importantissimo.

.

03 - interesse per l'enogastronomia.png

 

.

 

Per scaricare il report, clicca QUI

 

.

LE FAMIGLIE ITALIANE DAVANTI ALLA TV. Ogni componente ha il suo schermo personale. Scarica la nuova ricerca pubblicata da Auditel/Censis

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio 

.

Il 1° Rapporto Auditel-Censis è il racconto della vita vera delle famiglie italiane, a partire dalle coabitazioni reali, le dotazioni di beni e device, le interrelazioni tra i loro membri nel quotidiano.

.

Si basa su interviste a un campione di 20.000 famiglie.

.

.

Emerge un racconto quasi intimo che rilancia l’immagine di abitazioni come luoghi di vita ricchi di oggetti e di relazioni.

.

Assistiamo a un cambiamento epocale di abitudini individuali e relazionali indotto dalla penetrazione capillare di smartphone e web.

.

Il Rapporto contiene anche un focus sulle abitudini di utilizzo dei dispositivi digitali dei minori di età compresa tra 4 e 17 anni,

i veri nativi digitali.

.

Ecco i principali indicatori.

.

La televisione rimane l’apparecchio digitale più diffuso nelle famiglie italiane (97,1%).

.

Sempre più famiglie dispongono di un computer (fisso o portatile).

.

 

03- presenza tv nelle famiglie.

.

Un quarto delle famiglie italiane vede la donna come capofamiglia.

.

02- Capofamiglia donna.png

.

Le case degli italiani si riempiono di apparecchi digitali (e non).

.

04 - apparecchi digitali nelle case.png

 

.

Lentamente, cresce la presenza degli apparecchi televisivi collegati ad internet (Smart TV).

.

05 - Smart tv.png

.

Sempre più bambini dispongono di uno smartphone di cui hanno il completo controllo.

.

06 - bambini con gli smartphone.png

.

Per scaricare il rapporto Auditel/Censis, clicca QUI

 

 

 

 

.

La

La

TUTTI I NUMERI DEL BIOLOGICO IN ITALIA. Guarda il nuovo rapporto pubblicato da BioBank

.

01 copertina.png

 

 

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio

.

In questi giorni è stato presentato il nuovo Rapporto BioBank 2018.

.

Le vendite hanno superato i 5 miliardi di euro tra Italia ed estero, con un incremento del 16,3% rispetto all’anno precedente.

.

02 - valore totale del mercato.png

.

Sul Rapporto sono pubblicati e analizzati i dati riferiti alle 10.001 attività censite da Bio Bank nel 2017: 9.075 per l’alimentazione e 926 per la cosmesi.

.

05 - 10.000 attività esaminate.png

.

Negli ultimi cinque anni il numero di attività delle otto tipologie monitorate nel Rapporto per gli Alimenti è cresciuto di oltre il 6%.

.

A volare sono invece le tre tipologie di attività monitorate per la Cosmesi, cresciute del 177%.

.

Per gli Alimenti:

– in testa gli e-commerce di alimenti bio, passati dai 147 del 2013 ai 344 del 2017, con una crescita del 134%

.

– i ristoranti bio, passati da 350 a 556, con una crescita del 58,9%.

.

In calo gli agriturismi a quota 1.497 (-4,5%) e i gruppi d’acquisto solidale (GAS) a 813 (-8,3%).

.

05 - 10.000 attività esaminate.png

.

Per la Cosmesi guidano ancora il trend le profumerie bio, balzate dalle 49 del 2013 alle 245 del 2017 (+400%).

.

Notevole lo sviluppo degli e-commerce di cosmesi bio, passati da 70 a 255 (+264,3%).

.

La classifica delle regioni leader per numero assoluto di attività bio nel 2017 riconferma la Lombardia con ben 1.417 attività, prima per numero di gruppi d’acquisto, negozi, mense, aziende ed e-commerce di cosmesi.

.

04 - regioni leader

.

Ecco QUI in link per leggere il Rapporto Biobank

.

LA POPOLAZIONE ITALIANA SECONDO L’ISTAT. Siamo una nazione di anziani, separati e vedovi. Scarica l’ultimo report

01 - copertina.png

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio 

.

 

L’Istat ha pubblicato l’ultimo Rapporto sulla popolazione residente in Italia.

.

Al 1° gennaio 2018 i residenti in Italia sono 60 milioni 484 mila unità.

.

L’età media è di 45,2 anni.

.

Solo il 13,4% della popolazione ha meno di 15 anni.

.

La popolazione di 80 anni e più raggiunge il 7,0%.

.

Sono più di mille gli individui che hanno superato i 105 anni e 20 i supercentenari (110 anni e più).

.

02 - popolazione totale ultra 105 anni

.

Nella classe di età 15-64 anni, coniugati e celibi quasi si equivalgono (rispettivamente 49,0% e 47,7% della popolazione totale).

.

03 - Celibi divorziati e separati.png

.

Si assiste a un forte calo dei coniugati e una crescita rilevante di celibi e nubili.

.

.

05 crescita celibi e nubili.png

.

Nella classe di età 45-54 anni quasi un uomo su quattro non si è mai sposato mentre è nubile quasi il 18% delle donne.

.

Aumentano in tutte le età divorziati e divorziate, più che quadruplicati dal 1991 (da circa 376 mila a oltre 1 milione e 672 mila).

.

04  celibi e nubili nelle varie fasce di età.png

.

Al 1° gennaio 2018 le persone residenti unite civilmente sono circa 13,3 mila  di sesso maschile nel 68,3% dei casi.

.

06 unioni civili in Italia.png

.

Per scaricare il report dell’Istat, clicca QUI

.

UNA IMPORTANTE NOVITÀ IN ARRIVO DA INSTAGRAM. Tutti noi potremo richiedere la spunta blu che certifica il nostro profilo ufficiale. Ecco come si fa.

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio

.

.

I dirigenti dei social media sono rimasti traumatizzati dai tanti scandali avvenuti in questi mesi.

.
.
Fake news & haters hanno inferto un duro colpo alla loro credibilità.

.

In queste ore Instagram ha presentato una importante novità.

.

Chiunque abbia un buon seguito di followers potrà richiedere la celebre spunta blu che certifica il profilo ufficiale.

.

Fino ad ora era Instagram, che decideva a suo insindacabile giudizio chi la meritava;

solitamente grandi brand, attori, politici, influencer, etc.

.

Da oggi ognuno di noi potrà farne richiesta, anche se non è assolutamente scontato che venga accettata.

.

Ecco la procedura da seguire.

.

Andiamo sul nostro Instagram e clicchiamo in alto a destra su MENU (le 3 linee orizzontali).

.

pagina iniziale

.

Subito dopo clicchiamo su IMPOSTAZIONI.

.

)mpostazioni

.

Troveremo il nuovo bottone RICHIEDI VERIFICA

.

 

verifi

.

Subito dopo comparirà la schermata nella quale Instagram ci chiederà di allegare un documento di identità (o altro tipo).

.

Documenti da allegare

.

Nei prossimi mesi Instragram ci darà la possibilità di sapere molte più informazioni sugli account che seguiamo.

.

Fra gli altri  potremo sapere:

.
1) data di iscrizione dell’account 

2) il luogo in cui si trova,

3) pubblicità in programma sull’account

.

Basterà cliccare sul bottone A PROPOSITO DI QUESTO ACCOUNT.

.

a proposito di questo account

.

Per maggiori dettagli, ecco QUI il comunicato ufficiale di Instagram.

.

 

LA CLASSIFICA DEI SOCIAL MEDIA IN ITALIA. Scarica il nuovo rapporto pubblicato da AGCom

01 - Copertina.png.

 

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio 

.

L’Autority delle Comunicazioni (AGCOM) ha pubblicato la nuova edizione del suo Osservatorio.

.

Nel 2017, il valore complessivo dei mercati oggetto delle competenze istituzionali dell’Autorità è valutabile in 54,2 miliardi di €, in crescita dell’1,2% rispetto al 2016, e con un’incidenza sul Prodotto Interno Lordo del 3,16%.

.

02- Totale ricavi mercato

.

Le Telecomunicazioni pesano per il 59,4% delle risorse complessive, seguite dai media (26,9%) e dai servizi postali e di corriere espresso (13,7%).

.

Nel settore dei MEDIA, continua la crescita della componente Internet (+12,8%), mentre tutti gli altri segmenti mostrano una riduzione dei ricavi, in particolare nell’editoria quotidiana (-8,9%)

.

Nel settore postale, crescono i ricavi da servizi di corriere espresso (+11,7%), mentre perde ulteriormente peso la componente legata al Servizio Universale

(– 12,6%)

.

03- Variazione ricavi

.

Nella telefonia fissa, TIM mantiene la leadership seguita da WIND 3 e Vodafone.

.

 

05 - Quote di mercato rete fissa telefonia

 

.

Nella telefonia mobile vediamo Wind 3 leader nelle Sim prepagate mentre Vodafone guida la classifica negli abbonamenti.

.

 

06- prepagate e abbonamento telefonia MOBILE

.

Sul fronte televisivo la Rai, con oltre 4 milioni di telespettatori nel giorno medio, continua a detenere la leadership in termini di share.

.

L’unico canale in crescita è LA7.

.

07 - Quote di ascolto nel giorno medio in tv

.

Il Tg1 della sera è il più seguito dagli italiani.

 

08 - Audience dei Tg nazionali

.

I 2 gruppi editoriali leader sono GEDI (Repubblica, La Stampa e altri) e RCS (Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport).

.

09 - Quote di mercato dei gruppi editoriali

.

Continua la dinamica decrescente delle vendite di copie cartacee dei quotidiani dei principali gruppi editoriali (-8% rispetto a marzo 2017)

.

013 - andamento vendita copie cartacee e digitali dei quotidiani

.

.

Il peso delle copie digitali sul totale delle vendite di quotidiani, pari al 9%, si mantiene costante su base annua (mentre scende di 2 p.p. rispetto a marzo 2014)

 

.

Chiudiamo questa analisi con gli operatori maggiormente rappresentativi su internet.

.

 

Google e Facebook mantengono inalterata la propria leadership e presentano performance positive; altri importanti player internazionali (Microsoft e Amazon) seguono con un’audience in costante crescita.

.

 

011 - Audience dei siti web.png

.

.

Ecco la classifica dei Social Media più seguiti in Italia.

.

 

012 - Audience dei Social Network.png

.

Facebook conferma la propria leadership e il trend crescente della propria audience (+11% su base annua).

.

Al secondo posto Instagram (gruppo Facebook) che registra una crescita della propria performance su base annua (+22%).

.

Linkedin raggiunge 11 milioni di utenti unici medi (+1,6 mln di navigatori su base annua).

.

Aumentano i visitatori unici per Twitter e Pinterest; mentre si riduce l’audience di Google+ e Tumblr .

.

Stabili su base annua a 1,6 milioni i navigatori che hanno visitato Snapchat almeno una volta nel mese di marzo 2018

.

Per scaricare il report di AGCOM, clicca QUI

.

Quanti sono i NEET in Italia ? Te lo dice il nuovo rapporto dell’Istat.

istat

L’Istat ha pubblicato un interessante report sui NEET in Italia.

Scarica qui il report

LA LAUREA SERVE ANCORA A TROVARE LAVORO IN ITALIA? Scarica tutte le statistiche sul nostro sistema universitario.

 

.

Rino Scoppio con microfono

Rino Scoppio

.

01 - copertina

.

L’Anvur ha pubblicato la nuova edizione 2018 del “RAPPORTO SULLO STATO DEL SISTEMA UNIVERSITARIO E DELLA RICERCA”.

.

I numeri purtroppo non sono confortanti.

.

Siamo al penultimo posto nell’U.E. come numero di laureati; ci precede solo la Romania.

.

07 I- Italia al penultmo posto come numero di laureati

.

Molto bassa anche la spesa annuale per studente.

.

02 - spesa annuale per studente

.

I finanziamenti del MIUR continuano a calare negli ultimi anni; il trend sembra inarrestabile.

.

03 - il calo dei finanziamenti dello stato all'Università

.

Non c’è stato turnover nella platea dei dipendenti universitari; è il comparto della Pubblica Amministrazione che ha sofferto di più.

.

04 - continua a calare il numero dei dipendenti unversitari.png

.

Questo ha comportato un evidente innalzamento dell’età media con scarso innesto di giovani leve.

.

Unica nota positiva:

.

negli ultimi anni ha ripreso a crescere il numero degli immatricolati.

.

Ha superato quota 290.000.

.

05 - ha ripreso a crescere il numero dei laureati in Itallia

.

E infine, la domanda che abbiamo posto nel titolo di questo articolo:

.

Con la laurea si trova lavoro?”

.

I numeri dimostrano in maniera inconfutabile che si hanno maggiori opportunità di trovare lavoro.

.

La differenza con i diplomati però non è molto alta.

.

Questo probabilmente spinge molti giovani a cercare una via più agevole per trovare il primo stipendio.

.

06 - con la laurea o il diploma si trova lavoro?

.

Per scaricare il report dell’Istat, clicca QUI

 

.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: